(IN) Netweek

CESANO BOSCONE

Grazie al “CinghialAlbero” ora fare la differenziata è più facile

Share

Incontri con gli amministratori di condominio, con i commercianti, con i cittadini. E anche la consegna porta a porta ai condomini Aler del Tessera dei sacchetti di mater-bi, per raccogliere gli scarti della cucina, fatta direttamente dal sindaco Simone Negri, dall’assessore all’Ambiente Valeria Mulas e da altri componenti della Giunta e del Consiglio comunale per cercare un confronto diretto con i cittadini e affrontare di petto il problema della raccolta differenziata.

“Si tratta di un'iniziativa importante – spiega Valeria Mulas – che porta l'Amministrazione fra le strade, nei quartieri, tra la gente. Abbiamo bisogno di tutti per raggiungere l'obiettivo della raccolta al 60%”.

Infatti, la separazione corretta dei rifiuti stenta a decollare. Da qui l’idea di accrescere l’impegno sulla comunicazione, avviando una campagna che prevede la realizzazione di un video, di un opuscolo e di altro materiale informativo.

Dopo un percorso di ricerca e studio eseguito in alcune scuole del territorio, è stata votata una proposta di logo sulla quale la Derichebourg ha realizzato la versione definitiva che accompagnerà tutte le iniziative di comunicazione.

“Alcune modalità di raccolta sono cambiate. Come per esempio il tetrapack, che oggi va aggiunto ai rifiuti di carta. Sappiamo che non è semplice seguire con attenzione tutte le regole. Crediamo però nella buona volontà dei cittadini – sottolinea l’assessore all’ambiente Valeria Mulas – e proporremo altre occasioni d’incontro con i cittadini durante le quali si possa fare chiarezza su eventuali dubbi. L'invito è di lavorare in squadra, perché solo così si diventa grandi”.

D’altra parte, anche l’ultima quartatura (controllo della tipologia di rifiuto contenuta nei sacchi dell’indifferenziata) eseguita il 30 marzo scorso ha messo in evidenza che su un campione di 120,61 chilogrammi, ben il 40,71% poteva essere in realtà recuperato. Quindi, nei sacchi grigi solo il 59,29% è realmente indifferenziabile, una percentuale che in realtà sarebbe addirittura inferiore: nella cosiddetta “frazione estranea”, ossia tutto ciò che rimane escluso dalle categorie di riciclo, sono infatti rientrati ben 47,92 kg di rifiuto organico.

Leggi tutte le notizie su "Cesano Boscone"
Edizione digitale

Autore:ces

Pubblicato il: 14 Luglio 2017

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Si parla di:



Commenti

Hai a disposizione 2500 caratteri

Ne stai uililizzando 20

Per commentare devi essere loggato.